Outdoor education e Convenzione di Faro

L'Outdoor education è ormai una visione ed una modalità pedagogico/educativa che si sta sempre più diffondendo seppur con diverse accezioni ed interpretazioni.

Affonda le sue radici dalle tante esperienze che sono state e vengono vissute in ambiente naturale, attigendo a piene mani i suoi contenuti ricchi di sensorialità e di collegamenti con la madre terra.

I ragazzi , i bambini e gli adulti che interagiscono con un bosco o un qualunque ambiente "selvaggio"sono costretti a rimettere in gioco tutte le proprie capacità e questa difficoltà iniziale si trasforma in una opportunità unica di ascoltare, osservare, sentire in modo diverso, apprezzare un ritmo e un essere profondamente collegato al nostro vero sè, tutto questo avviene in modo quasi automatico.

Senza enfatizzare o demonizzare tutto ciò che ci allontana da madre natura possiamo dire con assoluta certezza che far vivere alle nuove generazioni gli spazi naturali, un ambiente sano e pulito significa nutrire anche la loro anima, significa aumentare la loro consapevolezza rispetto all' appartenenza a qualcosa di più grande che va tutelato e vissuto in modalità partecipativa. 

L'ambiente naturale , i boschi, le foreste, l'ambiente marino hanno la capacità di mettere subito a proprio agio i bambini e i ragazzi che in modo quasi istintivo interagiscono con esso iniziando a riappropriarsi di una serie di emozioni , sensazioni e manualità sopite.

Negli ultimi anni questa modalità si è trasformata e si è in qualche modo ampliata nella sua interpretazione e possibilità educativa, ovvero da Outdoor Education ad Educazione Fuori dalla scuola laddove il "fuori" e tutto ciò che ci circonda che comporta interazione ed esperienza, socializzazione ed empatia, difficoltà e comprensione;

ed è così che l'Outdoor Education diventa applicabile e praticabile nei contesti non formali laddove vita, memoria e quotidiano si intrecciano in un unico cammino .

Con questa visione : la Famiglia in tutte le sue sfumature,il Museo, il Parco urbano, la Diversità,la Parrocchia, la Palestra, il Giardino pubblico, la Piazza, la Biblioteca, il Centro anziani, il Centro minori, il Centro migranti, il Canile, l'Isola ecologica, il Teatro,l'Artigiano... diventano spazi altri fuori dalla scuola ma contigui ad essa, con i quali interagire cogliendone le prerogative umane dapprima e quindi assolutamente educative e formative poi, creando una sorta di patto di corresponsabilità ed operatività in nome della realtà umana.

Noi come associazione siamo assolutamente "dentro" questa modalità e questo pensiero e proviamo ad esserne piccoli interpreti anche attraverso la ratifica e la promozione della Convenzione di Faro , che parla di patrimonio materiale e immateriale, di valori e saperi locali di piccole comunità patrimoniali ma anche di scambio e dialogo.

Proponiamo corsi e laboratori sensoriali in ambiente naturale, eventi ed incontri, itinerari e letture presso tutta una serie di realtà territoriali nella regione Molise soprattutto ad Isernia e provincia.

richiedete senza nessuna esitazione i programmi e le attività.

mail : odvdajai@gmail.com